Il Modello AVATAR


il modello avatar

In linea con quanto espresso nel documento “Indirizzi di ‘policy’ integrate per la Scuola che Promuove Salute”, nonché nel Protocollo Intesa MIUR - Ministero Salute, in cui si evidenzia nell’ambito del processi educativi-formativi la necessità di un “Approccio scolastico globale”, la collaborazione tra Ricerca e Scuola diventa in AVATAR elemento caratterizzante, rendendolo uno strumento per la definizione di un modello condiviso di educazione alla salute nelle scuole di ogni ordine e grado, sia a livello nazionale, che di territorio, anche nell’ambito della dispersione scolastica e della clinica.

AVATAR coniuga il rigore e l’oggettività della ricerca scientifica
con le necessità emerse dal sistema scolastico in materia di salute, benessere e successo formativo.

 

 

logo FORMATICAAvatar Dispersione

 

per ridurre l’abbandono scolastico e contrastare la povertà educativa, sono necessarie non solo azioni dirette a rinforzare le capacità dei singoli, ma anche azioni mirate a modificarne il contesto sociale. Per cambiare i comportamenti individuali non salutari è necessario, infatti, creare condizioni ambientali atte a favorire uno stile di vita sano, attraverso un approccio “intersettoriale” e trasversale ai fattori di rischio

AVATAR-Dispersione si pone come obiettivi principali

  1. identificare soggetti a rischio
  2. superare la disaffezione scolastica
  3. migliorare la qualità degli apprendimenti e lo sviluppo dell'autostima e abilità socio-relazionali.

L’individuazione dei rischi, ma anche delle opportunità nei diversi setting sociali, rappresenta l’elemento centrale di AVATAR- Dispersione per contribuire alla costruzione di una cultura che contrasti la povertà educativa condivisa dall’intera Comunità.

In collaborazione con l’Agenzia Formativa FORMATICA http://www.formatica.it nell’ambito delle linee progettuali della Regione Toscana POR FSE 2014-2020

> Link a "Piattaforma Multimediale AVATAR"

Avatar in Clinica

 

pensamiIl progetto PENSAMI “A Precision mEdiciNe-baSed frAMework to pediatric patients with chronic dIseases” è uno studio multicentrico prospettico finanziamento dalla Regione Toscana all’interno del Bando Ricerca Salute 2018 – “Bando pubblico regionale per progetti di ricerca e sviluppo mirati al sostegno ai processi di innovazione clinica e organizzativa del Servizio Sanitario Regionale" (Decreto n.15397 del 26-09-2018). PENSAMI è incentrato sulla prevenzione secondaria nei pazienti pediatrici con malattie croniche (asma, diabete e cardiopatie congenite), con lo scopo di raccogliere dati clinici, antropometrici alla nascita, ambientali, e relativi al profilo psicosociale al fine di sviluppare un modello predittivo di eventi clinici e non clinici per migliorare la gestione e la prevenzione della malattia, la compliance dei pazienti e ottimizzare le strategie terapeutiche.

L’obiettivo generale è quello di prendersi cura della persona oltre a curare la malattia.

Gli obiettivi specifici sono:

  1. prevenire per rallentare la progressione delle malattie croniche nell'infanzia,
  2. sviluppare nuovi strumenti diagnostici,
  3. aprire la strada a trattamenti innovativi e complementari in aggiunta all’approccio clinico/terapeutico convenzionale. 
  4. migliorare la qualità della vita,

La possibilità di trasferire i risultati dalla ricerca alla pratica clinica ci consentirà di creare nuove strategie terapeutiche, preventive e personalizzate, in vari ambiti della patologia pediatrica come le cardiopatie congenite, il diabete e le malattie respiratorie.

PENSAMI in IFC

> Link a "Piattaforma Multimediale AVATAR" 

 

loghi pensami

avatar 5 ita

 

 

 

 

 

 Ambiente e stili di Vita negli Adolescenti:
una nuova proposta di promozione della saluTe
Attraverso una piattafoRma multimediale

CHI SIAMO

CONTATTI:

at  info@euroavatar.eu
location 1   c/o IFC CNR - via Moruzzi 1
56128 Pisa
information  050 621 2290
  Canale YouTube

logo ifc esteso 300px

 

 

logo biocomplessita temp  

 

 

Il Progetto AVATAR è registrato sulla piattaforma ministeriale S.O.F.I.A.

 

© Istituto di Fisiologia Clinica CNR - Pisa